Blanc De Blanc Millèsimè

Non disponibile



69,47 €



Colore: Oro pallido, brillante, sfumato di leggerissimi riflessi bronzei. Il perlate è estremamente fino ed elegante. Profumo: Espressivo, maturo e delicato al naso. Qualche nota floreale assortita, come l’alloro ed il caprifoglio, e sapori predominanti di croissant e brioche. Palato: Elegantemente vellutato in bocca, il vino rivela una bella freschezza ed un'elegante vivacità. Gli aromi, purissimi, sviluppano note fruttate di pesca bianca, albicocca, ribes e pompelmo. Il finale molto persistente, lascia trasparire note floreali e minerali. Suggerimenti: Questo vino si esprime al meglio all'aperitivo ma può accompagnare piacevolmente il pasto, ad esempio il salmone marinato e le cappesante, l'insalata di rucola ai frutti di mare, la sogliola agli agrumi in salsa leggermente vanigliata, le ostriche o i sushi.
Cantina Deutz
Denominazione Champagne A.O.C.
Tipo Bollicine
Origine Francia
Anno 2008
Affinamento Vasche In Acciaio Inox, Bottiglia
Grado alcolico 12,0%
Formato 0,75
Abbinamenti Antipasti, Crostacei, Pesce
Aromi Frutti Bianchi, Pesche Bianche
Vitigno Chardonnay 100%
Temperatura di servizio 12
Cantina: Deutz

La maison Deutz viene fondata nel 1838 ad Ay, patria dei migliori champagne, da parte di due uomini provenienti entrambi da Aquisgrana: William Deutz, che già aveva lavorato per la grande maison Bollinger, e Pierre Geldermann, che fornisce i capitali e si occupa prevalentemente dell’aspetto finanziario dell’azienda. I due erano fermamente orientati verso l’obiettivo comune: creare uno champagne esclusivo ed impeccabile. La maison iniziò con champagne di alta qualità, ma subì una battuta di arresto nel 1911 quando, a causa di una rivolta locale verso il governo francese, subì gravissimi danni alle proprie cantine. Il proprietario dell’epoca, André Lallier-Deutz, provò a risollevare le sorti della maison Deutz facendo nuovi investimenti ed acquistando nuove cantine in Nuova Zelanda ed in America, precisamente in California. Sfortuna volle che, sia per gli investimenti sbagliati che per una recessione causata dalla guerra del Golfo del 1991, l’azienda agricola fu costretta a vendere il 63% delle quote della sua società. Gran parte della società fu acquisita dunque dalla Louis Roederer, una storica maison di champagne, che rivoluzionò i vitigni e soprattutto le cantine che sono state rimodernate e ristrutturate. L’azienda conta circa 200 ha di vigneti, di cui l’80% classificati come Grand Cru e Premier Cru. L’invecchiamento avviene a 30 metri di profondità e l’intero processo produttivo garantisce prestigio e qualità.



Scopri tutti i vini della cantina Deutz

Origine

Top