Come Conservare e Bere un Vino Bianco

conservare-bere-vino-biancoUn pasto, soprattutto nelle occasioni conviviali, non è mai completo se non è accompagnato da un buon calice di vino. Certi piatti, poi, richiedono un buon calice di vino bianco per essere gustati al meglio e per poter godere di tutta la loro bontà. La bontà, la freschezza, il prestigio di un vino bianco sanno essere unici, lo sanno bene tutti i cultori del vino. Ma come fare a gustare al meglio di un vino bianco? Come conservare un vino bianco in modo da tutelare tutte le sue proprietà e il suo gusto? E come berlo al meglio? Scopriamolo insieme in questo articolo.

 

Conservazione del Vino Bianco per Poterlo Gustare al Meglio

Il vino bianco si ottiene a partire quasi sempre da uve bianche, raccolte con un buon grado di acidità. Per importanti champagne e spumanti metodo classico italiano si utilizzano invece le uve di pinot nero, alle quali viene tolta la buccia (questo metodo è detto vinificazione in bianco). Si tratta di un vino che si caratterizza e distingue per la sua freschezza, il suo gusto fresco privo di tannini. La fermentazione dei vini bianchi avviene in recipienti di acciaio dotati di sistemi di refrigerazione incorporati. Dato che ha delle caratteristiche e delle proprietà specifiche, il vino bianco ha anche dei trucchi per conservarlo al meglio che si differenziano da quelli adatti a conservare un vino rosso. Differenze riguardanti la temperatura di conservazione, per iniziare. La temperatura di conservazione ottimale per i vini bianchi è di 10-12 gradi.

Quando disponiamo i nostri vini nella cantina, dobbiamo fare ben attenzione a non disporli a caso, ma a seguire una precisa regola. I vini bianchi, infatti, vanno disposti in basso, appena sopra gli spumanti. Questa regola è data dal fatto che di solito c'è una differenza termica tra pavimento e soffitto. Generalmente i vini rossi possono essere conservati più a lungo dei vini bianchi, quindi attenzione a questo punto. Ci sono poi le regole generali di conservazione del vino che valgono per ogni tipologia di vino: conservare le bottiglie coricate su un fianco, con l'etichetta in bella mostra; conservarle al buio o almeno in una scatola di legno o di cartone; evitare gli ambienti eccessivamente umidi, esposti a vibrazioni, con poca areazione e che non sono al riparo dagli odori. Questi semplici accorgimenti vi consentiranno di conservare al meglio il vostro vino.

 

Gli Abbinamenti Migliori per Bere un Vino Bianco

Il vino bianco da il meglio di sè in abbinamento con i piatti di pesce. Quindi se avete in programma una cena o un pranzo a base di pesce, scegliete l'accompagnamento di un bel vino bianco. Un'altra regola da tenere presente è che il vino bianco, con il gusto fresco che lo contraddistingue, può andare bene anche per accompagnare piatti grassi. Questo perché il gusto fresco è in grado di lasciare una gradevole sensazione di pulizia del cavo orale.

Per i vini bianchi la temperatura più adatta per portarli in tavola oscilla mediamente fra i 10° e i 12°. Un bel Catarratto di Sicilia, ad esempio, si gusta alla perfezione con pollame e zuppe di pesce, con il suo aroma di agrumi e vaniglia. Il Cabreo la Pietra invece si distingue per il suo aroma di nocciola, cioccolato bianco e vaniglia e si lascia degustare al meglio se bevuto con formaggi e primi. Il Moscato d'Asti Cascina Fiori è da scegliere con frutta, dolci e formaggi. Lo ChardonnayCurtefranca è un'eccellenza che si esprime al meglio con primi di pesce e salumi, mentre il Malvasia Conti Zecca si abbina con antipasti e primi di pesce.

 

I Migliori Vini Bianchi per te su WineMust:

Lascia un Commento
Top