Biondi santi 2006 riserva

Non disponibile



480,00 €
480
Valutazioni medie

5.00 / 5

Valuta il prodotto!



Prodotto valutato da 2 utenti

5.00 2



Vigneti del "Greppo" di oltre 10 anni d'età. La "Riserva" viene prodotta dai vigneti di oltre 25 anni d'età, ma solamente nelle vendemmie eccezionali.Vendemmia eccezionale al Greppo. Primavera fredda e piovosa. Giugno, luglio ed agosto caldi e asciutti, con notevoli sbalzi di temperature e piogge ben intervallate. Settembre freddo ed asciutto. Inizio Vendemmia il 20 Settembre, con decorso asciutto e freddo. Uve sane, mature, con buccia grossa e ricca di colore. Mosto ricco di zuccheri, estratti ed acidità, con Ph basso. Vennero vinificate solamente le uve provenienti dalle vigne di nostra proprietà. Stappare e scolmare un poco le bottiglie, almeno 8 ore prima della degustazione.Dal colore rosso rubino intenso che si attenua con l'invecchiamento ha un profumo intenso, caratteristico, delicato e armonico, con leggero sentore di vaniglia e vigneto in fioritura. E' vino dal sapore ampio, caldo e persistente, di grande armonia e sapidità. Nelle Riserve più vecchie un netto sentore di "goudron" e poi di ?pietra focaia?. Le sue caratteristiche organolettiche perfette, la lunga maturazione in botti di rovere di Slavonia e un altrettanto lungo affinamento in bottiglia fanno del Brunello Biondi Santi un vino di grande serbevolezza e longevità. Nelle cantine della tenuta riposano ancora bottiglie centenarie con vini perfetti. Un eccezionale appuntamento ricorrente è l'operazione di "Ricolmatura" di queste preziose bottiglie, secondo un Bando e un Regolamento, che prevedono la presenza di testimoni.Burton Anderson ha definito il Brunello Biondi Santi un "vino da meditazione": molto persistente, che emana delicati profumi anche quando il bicchiere è stato svuotato. Da provare almeno una volta.
CantinaBiondi Santi
DenominazioneBrunello Di Montalcino D.O.C.G.
TipoRosso
OrigineToscana
Anno2006
AffinamentoBotti Di Quercia Della Slavonia
Grado alcolico14,0%
Formato0,75
AbbinamentiSecondi Di Carne
AromiRose, Spezie, Tannico
VitignoSangiovese grosso 100%
Temperatura di servizio18-20
Cantina: Biondi Santi

La cantina Biondi Santi è universalmente riconosciuta come gioiello della Toscana e, soprattutto, come inventrice del nostro attuale Brunello. La storia vitivinicola della famiglia inizia con Clemente Santi che durante la metà del 1800 decide di staccarsi dalla sua originaria professione, il farmacista, e dedicarsi all’agricoltura. Questa scelta fu l’inizio di una felice storia che tutt’ora è raccontata dai discendenti della famiglia Santi con grande onore. Clemente Santi ebbe l’intuizione di applicare all’agricoltura i principi chimici e scientifici che aveva appreso durante il suo percorso di studi: perfezionò sempre di più le tecniche agricole e le successive tecniche di vinificazione, fino a creare quello che tutt’ora è uno dei vini italiani più conosciuti ed apprezzati in tutto il mondo. Clemente Santi è infatti l’inventore del Brunello e questa grande invenzione gli è valsa anche la vittoria all’Esposizione Universale di Parigi del 1867: ai tempi non si chiamava Brunello ma Vino rosso scelto; l’annata vincente fu quella del 1865. Il nome della cantina Biondi Santi si deve al nipote di Clemente, Ferruccio, che ereditando dal nonno la grande passione per i vini decide di unire i due cognomi. Anche le generazioni successive portano avanti la tradizione di famiglia ed ognuno di loro mette nella cantina Biondi Santi tutta la loro passione e la loro innovazione. Uno dei più ricordati e compianti è Franco Biondi Santi che ha portato a 25 gli attuali ettari vitati della famiglia. Ora l’azienda agricola Biondi Santi è nelle mani di Jacopo Biondi Santi.



Scopri tutti i vini della cantina Biondi Santi

Origine

Top