Para Para Poggio Bortolone 2005

Non disponibile



16,00 €
16
Valutazioni medie

5.00 / 5

Valuta il prodotto!



Prodotto valutato da 1 utenti

5.00 1



Il Para Para, Cerasuolo di Vittoria Classico è un vino ottenuto da un blend di uve Nero d'Avola e Frappato, vendemmiate nella prima decade di ottobre. La vinificazione prevede fermentazione alcolica in acciaio accompagnata da continui rimontaggi e follature. La macerazione dura circa 15 giorni. La fermentazione malolattica viene svolta in botti d'acciaio inox dove il vino rimane per i successivi 18 mesi seguono altri 8 - 9 mesi di affinamento in tonneau di rovere francese da 500 Litri. Dopo almeno altri 6 mesi di affinamento in bottiglia è pronto per essere gustato.

Il Para Para di Poggio di Bortolone è un vino dal colore rosso rubino luminoso. Al naso risulta fresco e con note floreali bilanciate con quelle fruttate di frutti di bosco. Al palato è ben bilanciato e fresco con tannini morbidi. Finale lungo. 

CantinaPoggio di Bortolone
Denominazione Cerasuolo di Vittoria D.O.C.G.
TipoRosso
OrigineSicilia
Anno2005
AffinamentoVasche In Acciaio Inox
Grado alcolico13,5%
Formato0,75
AbbinamentiCarne Bollita, Selvaggina
AromiFrutta rossa, spezie, note tostate
VitignoNero d'Avola, Frappato
Temperatura di servizio16 - 18°
Cantina: Poggio di Bortolone

L'Azienda Agricola Poggio di Bortolone è stata fondata dalla famiglia Cosenza alla fine del Settecento, subito dopo l'acquisizione del feudo. Da allora è sempre stata tramandata di padre in figlio.Intorno al 1970 Ignazio Cosenza, padre dell'attuale proprietario, decide di dare un nuovo corso alla vita dell'azienda e inizia a imbottigliare i vini e l'olio extra vergine di oliva prodotti nella tenuta. Nasce così la moderna Azienda Agricola chiamata Poggio di Bortolone, dal nome dialettale siciliano Puoiu ri Burtuluni con cui veniva indicato il centro aziendale, che sin dalle origini sorge su una piccola collina. Gli anni '80 vedono il pieno compimento del progetto. Nel 1982 viene imbottigliato la prima annata del Cerasuolo, Poggio di Bortolone, etichetta storica che raffigura U Puoiu con la villa padronale e le cantine. Nello stesso anno comincia la produzione del Contessa Costanza, cerasuolo di beva più facile rispetto al primo. Nel corso degli anni '80 vengono inoltre introdotte in cantina svariate innovazioni, tra le quali l'affiancamento di botti in acciaio inox a quelle tradizionali in legno di rovere e castagno. Il decennio si chiude con l'ingresso delle cantine Cosenza nei mercati internazionali. Gli anni '90 sono un tripudio di nuove sperimentazioni, in vigna e in cantina. Vengono piantate uve Syrah, Cabernet sauvignon e Petit verdot, qualità quest'ultima consigliata dagli enti di ricerca e inserita come campo sperimentale. In cantina si provano e si ottengono nuove produzioni fino ai primi anni 2000: il Pigi nel 1998, il Petiverdò nel 2001 e l'Addamanera nel 2002. Si sperimenta inoltre l'uso delle Barriques per l'affinamento del cerasuolo, ottenendo già nel 1999 la prima annata di uno dei vini più rappresentativi dell'azienda: il Para Para. Da allora è stato un crescendo di produzioni e riconoscimenti. Nell'estate del 2005, con grande soddisfazione e grazie all'impegno profuso dalla famiglia Cosenza nel creare i propri vini, tutto il territorio di cui fa parte l'azienda ha ottenuto la Denominazione di Origine Controllata e Garantita Cerasuolo di Vittoria D.O.C.G. Oggi nella nuova e innovativa cantina, totalmente interrata e completata nel 2009, le più moderne attrezzature si coniugano a temperatura e umidità ottimali per il corretto affinamento dei vini.



Scopri tutti i vini della cantina Poggio di Bortolone

Origine

Top