Chardonnay Grafin de la tour

Non disponibile



60,00 €
60
Valutazioni medie

0 / 5

Valuta il prodotto!



Prodotto valutato da 0 utenti

0 0



Chardonnay di spicco di casa Villa Russiz. Grafin De La Tour deriva da uve interamente raccolte a mano, a perfetta maturazione, nelle ore più fresche della mattinata. Pressatura soffice delle uve intere. Botticelle di rovere da 225 e 500 lt per circa 8 mesi, quindi assemblato in vasche di acciaio inox, dove affina per un altro anno e conclude con altri 12 mesi in bottiglia.
Colore giallo leggermente dorato con riflessi verdognoli, profumo intenso di mela matura, di vaniglia e di agrumi ben integrati fra di loro e con una complessità in bocca molto decisa ed equilibrata.

Ottimo come aperitivo in abbinamento a formaggi pregiati di media stagionatura e salumi molto profumati, perfetto per primi piatti ben strutturati, zuppe corpose anche con frutti di mare, ideale con raffinate carni bianche in tagli pregiati anche alla griglia, si sposa anche con il pesce.

CantinaVilla Russiz
DenominazioneCollio D.O.C.
TipoBianco
OrigineFriuli Venezia Giulia
Anno2012
AffinamentoBarriques Di Rovere, Bottiglia
Grado alcolico14,0%
Formato1,5
AbbinamentiCarne Bianca, Pesce, Zuppe
AromiMela matura, vaniglia, agrumi
VitignoChardonnay 100%
Temperatura di servizio8-10°
Cantina: Villa Russiz

La cantina Villa Russiz è un’azienda antichissima, la sua storia infatti inizia ben 150 anni fa, nel 1868, anno in cui avviene il matrimonio tra Elvine Ritter von Zahony ed il conte Theodor de la Tour e a cui segue la donazione da parte del padre di di Elvine di un consistente pezzo di terreno. Il Conte Theodor era già considerato un esperto agrario e viticoltore e non si lascia dunque sfuggire la possibilità di perseguire la sua passione e di farne diventare un lavoro. Da subito si mise all’opera per creare una grande azienda vinicola che avrebbe lasciato il segno: questo è senza dubbio avvenuto, infatti la cantina Russiz è ancora oggi molto apprezzata sia in Italia che nel resto del mondo; si dice che i vini Villa Russiz abbiano conquistato anche lo zar di Russia. La cantina, successivamente, passa di mano in mano, fino ad arrivare alla prima svolta nel 1959 quando Edino Menotti diventa direttore dell’azienda. Quella di Edino è stata una figura di particolare importanza, è infatti grazie a lui che sono state ristrutturate le proprietà e la cantina. A succedere ad Edino è suo figlio Gianni Menotti che si concentra soprattutto sui vitigni che erano stati temporaneamente accantonati: lui gli ridà nuova vita. Oggi l’azienda è guidata dallo stimato enologo Giovanni Genio.



Scopri tutti i vini della cantina Villa Russiz

Origine

Top