Filtra per:

Opzioni scelte:

  • Origine: Molise
Origine

La Versa

La Versa

Il Molise dal punto di vista vitivinicolo, allo stato attuale, si presenta come una piccola regione con una identità ancora poco definita, tuttavia il legame storico tra territorio e coltivazione della vite è sempre stato molto forte: un binomio confermato anche dai commerci che si facevano anche i epoca medievale.
Per molti anni la produzione vitivinicola di questa regione si è concentrata soprattutto sulla quantità; ora cerca di farsi spazio ed emergere una politica enologica che punta sulla qualità, cercando di ricoprire i vitigni autoctoni. Oggi la viticoltura molisana conta su circa 6000 ettari vitati, 200 dei quali iscritti ai registri della DOC Biferno e DOC Molise, ed è concentrata soprattutto nella zona collinare a ridosso dell’Adriatico, che vede una produzione complessiva di 320.000 ettolitri di vino di cui 10 000 sono DOC.
Circa l’80% della produzione è circoscritta nella zona di Campomarino e più indietro verso Portocannone, San Martino in Pensili e Larino, in provincia di Campobasso.
I vini molisani fanno leva su alcuni grandi vitigni del Centrosud: l’Aglianico e il Montepulciano tra i rossi, con innesti sempre più frequenti di uve internazionali, il Greco, il Fiano, la Falanghina, oltre al Trebbiano per i bianchi.
A questi grandi classici si aggiunge un’interessante novità che sta divenendo la punta di diamante del Molise: la Tintilia, un vitigno rosso di antica tradizione, di buona struttura. Da questa uva si ottiene un vino dai suadenti snetori speziati, su cui si sta puntando a rilanciare il Molise tra i grandi del vino.
Quello che si sta realizzando in Molise è un percorso di crescita, in salita ma che grazie all’apporto tecnico di una nuova generazione di enologi e all’impegno dei produttori, sta iniziando ad ottenere i primi successi.

Non ci sono prodotti corrispondenti alla selezione.

Top